http://www.genitoricontroautismo.org

Dimetilglicina (DMG), di Bernard Rimland Print E-mail

Image

La DIMETILGLICINA (DMG) un metabolita non tossico e l'autismo tratto dall' Autism Research Review International , Vol 4 , N 2.

La DMG è una sostanza di sapore dolce che viene descritta in un articolo del Jornal Laboratory and Clinical Medicine (1990, 481-86) come "un composto semplice e naturale privo di noti effetti collaterali. L'articolo non parla dell'uso della DMG nell'autismo, ma si tratta di una ricerca nella quale si usa la DMG come tentativo per migliorare la funzionalità del sistema immunitario in conigli di laboratorio. I risultati furono positivi: il sistema immunitario dei conigli ai quali fu somministrata la DMG dimostrò una risposta tra il 300 e il 1000% migliore di quella del gruppo di controllo.
La DMG si trova pronta in molti negozi di alimentazione naturale. E' considerata legalmente un alimento. Non ci vuole prescrizione medica per comprarla. Viene preparata da diverse aziende e si presenta in diverse forme, la piu' frequente delle quali è in piccole pasticche della misura di 1/3 della grandezza di un'aspirina. Il sapore è piacevole e i bambini masticano le tavolette velocemente. Con una spesa di circa 25 centesimi per tavoletta, il costo totale è minimo, dal momento che si prendono da 1 a 8 tavolette al giorno (8 per gli adulti). "Fino a qui fantastico" direte, "ma cosa c'entra con l'autismo?". Nel 1965 due ricercatori russi, M.G. Blumena e T.L. Belyakova, pubblicarono un articolo dimostrando considerevoli miglioramenti nel linguaggio di 12 bambini con ritardo mentale, in un gruppo di 15, che non erano in grado di parlare o comunicare in qualche modo. I bambini avevano ricevuto come terapia una sostanza conosciuta come pangamato di calcio, acido pangamico oppure "vitamina B15". Non solo i bambini avevano sviluppato un vocabolario più ricco, ma riuscivano anche a dire delle frasi semplici, il loro stato mentale era migliorato ed erano in grado di concentrarsi di più e di mostrare maggiore interesse per giochi o giocattoli. Successivamente si rilevò che il componente essenziale del pangamato di calcio è la DMG.

Dopo la visita a Mosca dello psichiatra Allan Cott, portai negli Stati Uniti una piccola quantità di acido pangamico che provai con alcuni bambini del suo ambulatorio, alcuni dei quali erano autistici. Molti dei pazienti di Cott risposero nello stesso modo dei bambini russi. Una madre scrisse: "Questa è la cosa più emozionante che mi sia capitata. Ripete delle parole e risponde alle mie domande!".

A questo punto, l'acido pangamico fece il suo ingresso sul mercato americano. Confusione garantita. Ogni produttore denominava il suo prodotto come "l'autentica formula russa". C'erano almeno 4 formule diverse in vendita. La DMG faceva parte, in piccole quantità, di alcune delle formule. La Food and Drug Administration si fece avanti e iniziarono interminabili battaglie legali. Una delle conclusioni fu che il termine "vitamina B15" è proibito (negli USA) perchè anche se la DMG assomiglia alle vitamine del gruppo B in molti sensi e si trova ad esempio negli stessi alimenti, non esiste nessuna sintomatologia conosciuta derivata da un deficit di DMG.

Il risultato più importante delle battaglie legali è che la vendita della DMG è permessa, sempre però che non sia denominata "vitamina" e sia offerta come un alimento e non come farmaco.
Ho seguito da vicino la situazione dell'acido pangamico - DMG per circa 25 anni e ne ho parlato in alcune delle mie conferenze e con genitori e terapisti in conversazioni e tramite lettere. Ho sempre chiesto: "Se la provate, per favore, fatemi sapere cosa notate anche se non ci sono miglioramenti". Sono talmente convinto che la DMG sia un aiuto per un'importante percentuale di bambini e adulti con autismo che finalmente ho deciso di renderlo pubblico nell'Autism Research Review International, per parlarne a tutti quanti in modo aperto e libero in modo che chi sia interessato possa usufruirne. Qualcuno che osserva questo nostro modo di fare potrebbe pensare "Dove sono le ricerche in doppio cieco con placebo e controllo che dimostrino che si ottengono risultati effettivi nell'autismo?". La mia risposta è molto semplice: " Non ci sono e non servono". Ci sono molti studi su "non autistici" con queste caratteristiche nella letteratura scientifica e medica, non solo sugli umani, ma anche su molti animali di laboratorio, spesso con grandi quantità di DMG. Come si è detto sopra, non ci sono effetti negativi neanche quando si tratta di assunzioni enormi di DMG (dico "assunzioni" e non "dosaggi", perchè il termine dosaggio implicherebbe che si tratta di un farmaco e invece non lo è). Visto che nessuna azienda ha l'esclusiva per la produzione della DMG, la concorrenza mantiene il prezzo e i profitti bassi. Questo fa si che non ci sia nessuna possibilità di trovare qualcuno interessato a sponsorizzare una ricerca in doppio cieco di 200.000 dollari con DMG in bambini autistici. Si possono comprare 30 compresse per circa 8 dollari. Questa è una quantità sufficiente, anche per un adulto che prendesse 5 compresse al giorno, per rendersi conto nella maggior parte dei casi se possa essere di aiuto. Se sembra che apporti benefici, bene!... altrimenti avete buttato via 8 dollari (se non si considera però la spinta data al sistema immunitario).
Per aiutare i genitori ad avere una informazione obiettiva spesso consiglio di non raccontare che si sta facendo questo tentativo agli insegnanti, ai nonni e alle persone che circondano il bambino. Ho nell'archivio molte lettere che dicono "la logopedista di Marco mi ha detto che ha fatto più progressi in 2 settimane che negli ultimi 6 mesi. Come d'accordo non avevo detto a nessuno a scuola che si stava provando la DMG".
Sono favorevole al 100% agli studi in doppio cieco per i farmaci che possano avere un effetto potenzialmente dannoso come la Fenfluramina, l'Hadol o tanti altri. Invece, non sembra aver troppo senso insistere in queste rifiniture prima di provare una sostanza sicura come la DMG, la torta di mele o la zuppa di pollo. Se la DMG funziona, lo farà in modo quasi immediato (una settimana circa), comunque sarebbe consigliabile mantenerla per alcune settimane o per un mese prima di arrendersi. In alcuni casi si sono visti risultati incredibili anche dopo 24 ore: a Los Angeles una mamma guidava in autostrada con la figlia di 3 anni Kathy seduta dietro e il figlio autistico e non verbale Sammy davanti; avevano iniziato la DMG il giorno precedente, Kathy si mise a piangere e Sammy, voltandosi, disse le sue prime parole: "Non piangere, Kathy". La mamma stupita rischiò per poco di fare un incidente.
Un altro caso simile: una mamma del Texas mentre metteva la cintura a sua figlia autistica nel sedile della macchina, disse al marito: " Lascio Mary dalla babysitter e arrivo", Mary che prendeva la DMG da due giorni, spaventò i suoi urlando le sue prime parole: "No, dalla babysitter no!". Anche se il linguaggio è l'area in cui avvengono i maggiori cambiamenti nei bambini ai quali la DMG è di aiuto, si riportano anche miglioramenti al livello del comportamento: un padre diede a suo figlio una compressa al giorno di DMG senza dire niente a scuola, poi chiese una copia del diario in cui scrivevano tutti i problemi di comportamento di suo figlio. La correlazione tra i giorni senza capricci e l'uso della DMG era evidente.
Un articolo del New England Journal of Medicine (Ottobre 1982) riporta un caso di un ragazzo di 22 anni con ritardo mentale che aveva tra 16 e 18 convulsioni al giorno trattate con una terapia antiepilettica tradizionale; prendendo la DMG  aveva solo 3 crisi alla settimana e ogni tentativo di sospendere la DMG aumentava nuovamente la frequenza delle crisi.
L'anno scorso, inviai informazioni sulla DMG a Lee Dae Kun, direttore del Pusan Research Center on Child Problems in Korea. Lui ha provato la DMG con 39 bambini autistici, di età diverse (tra i 3 e i 7 anni) e con i seguenti risultati  qui di seguito riassunti:
I benefici furono evidenti:

SI : 31 (80 %)

NO : 8 (20 %)
I miglioramenti si riferivano al linguaggio, comportamento, intestino... 8 bambini ebbero problemi di sonno durante le prime due settimane. Sei bambini furono iperattivi durante le prime due settimane.
Lee Dae Kun mi scrisse che i miglioramenti furono evidenti per i genitori (anche se inizialmente scettici). La sua conclusione fu che la DMG è di grande aiuto per i bambini con autismo anche se non guarisce completamente.
Risulta anche molto incoraggiante l'informazione sull'uso della DMG in persone di maggiore eta'. La mamma di un ragazzo di 26 anni che stringeva fortissimo tutto (persone , televisore , ecc...) quando si sentiva frustrato, anche se molto scetticamente, provò la DMG per vedere se migliorava il suo scarso linguaggio. Così non fu, ma il cambiamento della sua capacità di tollerare la frustrazione fu straordinario. "Anche mio marito che è sempre stato più scettico di me ora ci crede", ci scrisse.
Ovviamente, la DMG non sempre aiuta e non è di certo una terapia miracolosa, ma a mio avviso vale la pena fare un tentativo. Se la provate, fateci sapere. Sono particolarmente interessato a ricevere informazioni dai genitori sui commenti fatti da insegnanti, vicini di casa, familiari, ecc... che non sapevano che il bambino stesse prendendo la DMG.

Read more...
Super Nu Thera, dal Protocollo DAN! Print E-mail

Edizione 2005, pag 203


La necessità di somministrare ai nostri bambini supplementi nasce dall'osservazione di alcuni dati:
- Presenza di deficit di Calcio, Magnesio, Selenio, Zinco.
- Evidenza che la somministrazione di B6 e Magnesio riduce i sintomi dell'autismo.
- Presenza di problemi nel metabolismo degli aminoacidi e acidi organici che riflettono un bisogno di supplementare la vit B.


E' semplice decidere da dove iniziare: da una combinazione preparata per coprire le necessità di base, il  Super Nu Thera (http://www.kirkmanlabs.com)
Se il bambino accetta facilmente questo supplemento e non ci sono effetti negativi, il supernuthera andrà somministrato per sempre.
Se invece non viene accettata la textura, sarà necessario trovare un altro supplemento simile( auguriamoci che ciò non accada!!!). Se vediamo un effetto negativo, quasi sempre questo non va imputato al diretto effetto del supplemento sul corpo, ma alla sua capacità di nutrire la flora intestinale in modo da provocare la produzione da parte della flora di prodotti tossici o allergenici. Spesso dare al corpo ciò che manca può essere uno shock!
Il Super Nu Thera (dose giornaliera 3 capsule) è un multivitaminico/ multiminerale contenente principalmente B6 e Magnesio.
Contiene inoltre il resto delle VIT B, VIT C, VIT oil soluble E; A; D:
ZINCO (quantità di 3 capsule 5 mg)
MAGNESIO (quantità di 3 capsule 125 mg)
SELENIO (quantità di 3 capsule 25 mcg)
Come tutti i prodotti della kirkman non contiene glutine e caseina ed è ipoallergenico.

Read more...
Deficienza di Zinco e disordini comportamentali Print E-mail

ZINCO, Zn (dal Protocollo DAN!)

. Studi recenti dimostrano un alto rapporto rame-zinco nel sangue in circa l'85% degli autistici
. Lo zinco è importante per la digestione, la metilazione, la risposta immunitaria e l'equilibrio dei nucleotidi. Supplementare lo zinco aiuta il bambino autistico ad accettare i cambiamenti nella dieta.
. L'assimilazione dello zinco dipende dalle condizioni gastrointestinali e dalla forma di supplementazione.

Lo zinco partecipa in molti processi fisiologici di interesse nell'autismo, dalla digestione alle funzioni immunitarie, alla metilazione, ecc. Sebbene non possiamno affermare che un deficit di zinco sia una possibile causa per l'autismo, dobbiamo affrontare il problema perchè esso sembra con evidenza essere un fattore aggravante o contribuente per molte delle vittime di questa malattia.
La deficienza di zinco, o l'alto rame, non sono universali nell'autismo, ma nell'ultimo decennio una grande maggioranza di bambini autistici è stata trovata, da differenti medici nel mondo, avere valori sotto la norma di zinco nel sangue o nelle cellule. Le percentuali di bambini colpiti da deficienza di zinco si sono alzate notevolmente negli ultimi anni; ciò non ci stupisce in quanto siamo ormai abituati a notare importanti cambiamenti nelle caratteristiche dei bambini con autismo dagli anni '70 ad oggi. L'incidenza per esempio è passata da 3 su 10.000 a 6 per 1000. Inoltre negli anni '70 circa il 70% dei bambini mostrava anomalie dalla nascita, mentre ora assistiamo ad una regressione nel corso del primo-secondo anno di vita nell'80% dei casi. E così negli anni '70 avevamo un disturbo nell'utilizzazione dello zinco su 1 o 2 bambini su 10.000, mentre oggi siamo saliti a 50 su 10.000 che hanno eccesso di rame in relazione allo zinco, comprendendo anche alcuni soggetti con zinco assolutamente deficiente.
Perchè il rame è elevato? Walsh lo attribuisce alla metilazione deficiente, ma è importante sottolineare che in presenza di infiammazioni, e specialmente con infezioni croniche (come quelle intestinali con disbiosi batterica dei nostri bambini), il rame viene redistribuito dal fegato al sangue dove i suoi livelli si rialzano. Per cui, parte del rimedio per abbassare i livelli di rame nel sangue può essere un uso appropriato di antibiotici e di antifungali e il miglioramento delle funzioni gastrointestinali (e la dieta) in modo che l'infezione intestinale e l'infiammazione vengano rimosse e la digestione migliorata. Maldigestione e malassorbimento possono di per se stesse portare ad un incremento del rame.
Il problema del perchè lo zinco sia basso in molti bambini autistici è complesso. Una parte è, come abbiamo detto, da attribuire a maldigestione e malassorbimento che generalmente è accompagnata da debolezza enzimatica, allergie e intolleranze. Supplementi di zinco sono spesso necessari, ma non sufficienti a correggere il problema. Devono essere migliorate o normalizzate le funzioni gastrointestinali, cosa che richiede un intervento dietetico e l'uso regolare degli enzimi digestivi. Non c'è potenzialmente nessuna speranza di correggere la deficienza di zinco mentre per esempio è in corso una diarrea.
Questo significa quindi che per molti il bilanciamento del rapporto rame-zinco potrà avvenire solo dopo la dieta e quando la digestione e la trans-sulfurazione stiano funzionando adeguatamente. In alcuni casi, questo significa anche che bisogna ripulire l'organismo dai metalli tossici in eccesso (mercurio, arsenico, antimonio). Il nostro scopo è rialzare lo zinco a livelli normali nel sangue e abbassare il rame alle quantità in cui si suppone debba essere. Non vi scoraggiate se i mesi passano e ciò non avviene nonostante i trattamenti. Alla fine succederà! Se non accade la risposta non è aumentare la dose di zinco. Occorre lavorare di più con la dieta, sulle condizioni gastrointestinali e sul metabolismo.

DEFICIENZA DI ZINCO, METABOLISMO DEL METALLO E DISORDINI COMPORTAMENTALI, di William J. Walsh
La deficienza di zinco è difficile da diagnosticare poichè nessun test o combinazione di test è sicuro in ogni caso. Per esempio, livelli di zinco nel sangue sono talvolta normali anche in persone con deficienza di zinco a causa dell'omeostasi. I livelli nelle urine e nei capelli sono spesso elevati in casi di  deficienza di zinco a causa del circuito breve dello zinco e dell'alto tasso di escrezione.
I due principali fattori che guidano i medici del nostro centro a diagnosticare una deficienza di zinco sono
1 - ridotto zinco nel plasma
2 -presenza di sintomi clinici di esaurimento dello zinco che sono alleviati da supplementazione dello zinco stesso
I sintomi clinici associati con deficienza o riduzione di zinco includono i seguenti:

* Eczema, acne e/o psoriasi

* Scarsa capacità di rimarginare le ferite, comprese ulcere alle gambe

* Macchie sulle unghie

* Diminuzione della sensibilità gustativa

* Immunodeficienza cronica e continue infezioni

Una diagnosi di deficienza di zinco può essere fatta se i sintomi della deficienza sono evidenti chiaramente dall'iniziale esame fisico e dalla storia medica.
Di solito sono presenti più di uno dei sintomi riportati. Questa iniziale diagnosi è successivamente supportata o negata da analisi di laboratorio per lo zinco nel plasma insieme alla risposta (o alla non risposta) osservata alla supplementazione dello zinco.
Il Centro Pfeiffer generalmente rimisura lo zinco nel plasma e valuta i sintomi dopo 4 - 6 mesi di trattamento per stabilire se il dosaggio necessita aggiustamenti.

TRATTAMENTO DELLA RIDUZIONE DI ZINCO

La riduzione di Zinco è corretta dal supplementare con zinco picolinato o gluconato insieme all'aumento di nutrienti inclusi L-cisteina, pyridoxina, acido ascorbico e vitamina E. E' utile anche il manganese nel promuovere la funzione metallotioneina. Se i livelli di rame sono elevati, un trattamento efficace deve anche prevedere l'abbassamento di rame dai tessuti e l'escrezione del rame stesso. L-cisteina aiuta a mobilizzare e eliminare il rame mentre facilita l'assorbimento di zinco. La correzione della deficienza di zinco deve avvenire per migliori risultati sotto il controllo di un medico o di un nutrizionista che abbia esperienza nei disordini del metabolismo dei metalli. Indiscriminate dosi di zinco date a persone che non ne hanno bisogno possono causare anemia e sbilanciamento dei metalli. Il trattamento di una riduzione media o moderata di zinco può richidere mesi per essere completato. Alcuni casi di grave mancanza di zinco richiedono un anno o più per essere risolti. Il successo nel bilanciamento dello zinco è rallentato da scatti nella crescita, ferite, malattie e grave stress. In più persone con malassorbimento o di gruppo sanguigno A rispondono al trattamento più lentamente.

DISCUSSIONE

Abbiamo trovato che la carenza individuale di zinco risponde bene a una supplementazione (poco costosa) di zinco e a un aumento di nutrienti. Molti pazienti con precedenti esperienze di anni di buoni consigli, psicoterapia programmi medici aggressivi e/o trattamenti con ricovero hanno ottenuto grandi miglioramenti e risposte migliori con trattamenti meno intensivi (e meno costosi). La deficienza di zinco può essere corretta, ma non curata. Se il trattamento è discontinuo, la primitiva carenza di zinco riemergerà gradualmente con tutti i sintomi. La deficienza di zinco, come il diabete, richiede un trattamento per tutta la vita. Fortunatamente è semplice, costa poco, non ha effetti collaterali.

Rapporto Rame / Zinco, traduzione dal materiale fornito dal centro Pfeiffer di Chicago Print E-mail

Rame - Zinco
Rapporto ottimale 0,70 - 1,00

Il corpo umano possiede un sistema elaborato per la gestione e la regolazione della quantità dei metalli essenziali circolanti nel sangue e depositati nelle cellule. I metalli nutrienti dalla dieta sono:
- incorporati nel sangue, se i livelli sanguigni sono impoveriti
- trasportati nelle cellule se il livello cellulare è inadeguato
- espulsi, se i livelli nel sangue o nelle cellule sono sufficienti.
Quando questo sistema regolativo non funziona correttamente, si possono sviluppare nel cervello e in altre parti del corpo dei livelli anormali di metalli essenziali. Uno dei più comuni sbilanciamenti dei metalli essenziali è l'elevazione del rame con diminuzione dello zinco.
Il rapporto tra rame e zinco è clinicamente più importante della singola concentrazione di essi. Rame e zinco sono considerati come neuro trasmettitori e si trovano in alte concentrazioni nell'ippocampo. Livelli di rame alto (zinco basso) sono associati con iperattività, deticit dell'attenzione, disturbi comportamentali e depressione. Molti pazienti con autismo hanno (in associazione ai numerosi altri sbilanciamenti) un'elevazione del livello del rame nel sangue.
Il centro Pfeiffer ha trovato che l'80% dei pazienti iperattivi e il 68% di quelli con disturbo del comportamento hanno elevati livelli di rame nel sangue. Spesso le famiglie riportano un peggioramento dell'iperattività e dei comportamenti dopo la somministrazione dei supplementi vitaminici o di cereali ricchi in rame. I sintomi possono essere provocati dal consumo di cioccolata (ricca in rame) o coloranti gialli ricchi di idrazina, che abbassano i livelli di zinco nel sangue.
Abbiamo anche notato una correlazione tra sbilanciamento rame - zinco e PMS. Gli estrogeni (sia quelli del corpo che da fonti esterne) elevano il rame e lo fanno accumulare nel sangue. Questi pazienti sono intolleranti agli estrogeni. Il trattamento per gli sbilanciament del rapporto rame-zinco comprendono:
-stimolazione della proteina MT con zinco e manganese
-uso di pyridoxine e peridoxal 5-phosphate per aumentare il metabolismo dello zinco
-supplementi di vitC e vitE per favorire l'escrezione di rame e metalli tossici dal corpo.
Molti pazienti riportano un inizio dei progressi dopo 3 mesi di terapia nutrizionale e 2-4 mesi sono necessari per la correzione di questo sbilanciamento. I progressi possono essere fortemente rallentati per le persone con gruppo sanguigno A, con malassorbimento o ipoglicemia.
I pazienti possono avere mal di testa, ronzii nelle orecchie o temporaneo peggioramento dei sintomi causato dal rame che è rilasciato rapidamente. Questi sintomi generalmente si risolvono in poche settimane con una terapia graduale.

Read more...
Supplementi per persone con autismo, della. Dr. N. Campbell-McBride Print E-mail

Un articolo della Dr. Campbell McBride sull'uso di supplementi nei bambini autistici.

Natasha Campbell-McBride si è laureata in medicina e specializzata in Neurologia. Attualmente sta prendendo una seconda specializzazione in Nutrizione Umana. Nella sua clinica a Cambridge si occupa di Nutrizione in bambini con difficoltà di apprendimento e di adulti con disordini digestivi e del sistema immune
Natasha è sposata e ha due bambini; suo figlio più grande è stato diagnosticato con autismo all'età di tre anni: la sua storia può essere letta QUI

La Dr. Campbell può essere contattata telefonicamente allo
01353 723234, o con e-mail a

SUPPLEMENTI PER BAMBINI CON AUTISMO

Tutti noi amiamo moltissimo i bambini e siamo pronti a fare del nostro
meglio per loro, non importa quanto difficile o caro possa essere. Questo ci rende soggetti a provare qualunque cosa nella speranza che possa aiutarli. Ho incontrato tantissime famiglie che hanno
dato al figlio 10, 15, 20 o più supplementi nutrizionali senza capire se qualcuno di questi stesse apportando o meno qualche beneficio.
I supplementi nutrizionali sono costosi e il mercato è pieno di centinaia di varie marche, molti delle quali hanno qualità dubbia e l'intera industria non è disciplinata molto correttamente. Non posso mai sottolineare abbastanza che una dieta appropriata deve essere l'intervento numero uno in un programma nutrizionale di successo di un bambino autistico. Comunque, alcuni supplementi possono essere molto utili e alcuni addirittura essenziali, particolarmente in uno stadio iniziale. Qui vorrei parlare dei supplementi che, secondo me, può avere importanza somministrare ad un bambino autistico. Parlando di supplementi, la prima cosa da considerare è se questi supplementi saranno assorbiti dal tratto digestivo. I bambini autistici hanno subito danni al tratto intestinale e presentano anormale flora batterica.
Nel mio precedente intervento abbiamo trattato il ruolo della normale flora intestinale nell'intestino umano. I bambini autistici non hanno normale flora intestinale:per varie ragioni i batteri benefici scarseggiano nel tratto digestivo di un bambino autistico. Come risultato, la digestione e l'assorbimento dei cibi è inferiore al dovuto. I bambini autistici non assorbono i nutrienti bene, compresi i supplementi. per cui finchè non faremo il possibile per normalizzare la flora intestinale, un sacco di costosi supplementi saranno presi senza poter fare molto bene al bambino. Per migliorare la flora intestinale e iniziare un processo di guarigione nel tratto digestivo devono essere presi tre provvedimenti.

1 La dieta, essenziale per il bambino autistico:si tratta di una dieta progettata per stimolare la flora benefica e affamare quella patogenadi germi "cattivi" che, in assenza dei batteri "buoni", si impadronisce dell'intero intestino. La dieta va fatta anche per rendere il lavoro del tratto digestivo il più semplice possibile fornendo al tempo stesso nutrienti molto ricchi.

2 Un probiotico: si tratta di  batteri benefici contenuti in una capsula. Quando un probiotico efficiente viene introdotto nell'intestino, lo libererà dai batteri "cattivi" e da vecchie putrefazioni e ristabilirà la normale flora iniziando il processo di guarigione, consentendo che il bambino inzi a digerire e ad assorbire i cibi appropriatamente mentre il sistema immunitario avrà la giusta stimolazione e l'intero tratto digestivo, invece di essere la maggiore fonte di tossicità, diventerà una fonte di nutrimento. Ci sono un sacco di differenti probiotici sul mercato. Molti di loro non sono molto efficaci. Spiegherò il perchè: contengono solo le tradizionali famiglie di batteri probiotici e cioà Lactobacilli e Bifidobacteria. Questi batteri sono molto buoni se hanno la possibilità di raggiungere la parete intestinale. Nei bambini autistici però la parete intestinale è completamente ricoperta di muco e residui putrefatti, piena di microbi anormali che ci vivono. Per ripulirla e consentire ai Lactobacilli e ai Bifidobacteria di raggiungere la parete intestinale sono necessari i batteri della famiglia Bacillus Subtilis. Questi batteri sono usati nella biodegradazione degli scarti e sono molto efficaci nel digerire e ripulire la parete intestinale dallo strato di putrefazione. Questo processo prende diverso tempo e la dieta è essenziale per supportarlo, ma con costanza e perseveranza si può riuscire. Scegliete un probiotico con alta concentrazione (10Billion/Gram o più), con più ceppi di batteri possibili, compresa la famiglia Bacillus Subtilis.

3. Olio di pesce: sono stati fatti studi su studi dimostranti che l'olio di pesce e il cod liver oil hanno una forte influenza nella guarigione dell'intestino. Infatti se si auspica una guarigione, si deve necessariamente dare olio di pesce. I bambini autistici semplicemente non ne hanno abbastanza. La sola cosa che dovete guardare, se usate il Cod Liver Oil, è il contenuto di vit A, in quanto una overdose di Vit A può essere tossica per il fegato. Un livello tossico di VitA è di 8000 mg al giorno per un bambino e più di 40000 mg al giorno per un adulto. Questo si traduce in circa 30 ml del normale Cod Liver Oil al giorno per un bambino e 140 ml al giorno per un adulto. Difficilmente qualcuno può assumere queste quantità. Un cucchiaino da te pieno di cod liver oil due volte al giorno sarà adeguato per il vostro bambino. Gli oli di pesce hanno quantità più basse di vitA e possono perciò essere presi in dosi maggiori. Parlando degli oli di pesce, essi non solo sono essenziali per la salute intestinale, ma anche per il normale sviluppo e funzionamento del sistema nervoso, del sistema immunitario, degli organi sensori, del bilanciamento ormonale e di un sacco di altri sistemi e organi del corpo. Supplementare l'olio di pesce dovrebbe essere un obbligo per ogni bambino, non solo per un bambino autistico. Vorrei anticipare qui una domanda ovvia: l'oilo di pesce è una fonte di acidi grassi Omega-3. Può essere sostituito con il flax seed oil (olio di semi di lino), che fornisce anche acidi grassi Omega-3? Io personalmente preferisco gli oli di pesce, perchè questi sono stati usati molto più a lungo degli oli di semi di lino e contengono altre sostanze benefiche. Comunque, se il gusto dell'olio di pesce è un ostacolo nel caso di vostro figlio, potete provare l'olio di semi di lino. Oltre agli Omega-3, ci sono gli Omega-6: questi sono i due principali giocatori del nostro metabolismo ecosanoide.
L'argomento degli ecosanoidi è molto complesso e estremamente importante. Qui sarà sufficiente dire che dovete essere molto cauti nel supplementare gli oli Omega-6. Io non consiglio di usarli come supplementi. Date al vostro bambino una tavoletta di semi di girasole al giorno e così prenderà una buona quantità di oli Omega-6 in una forma naturale. Ammorbidite i semi di girasole in acqua durante la notte e spargeteli sul pasto del bambino e in questo modo  non solo prenderà i suoi oli Omega-6, ma anche alcune vitamine e minerali essenziali.
Finora abbiamo discusso di due essenziali supplementi per i bambini autistici: i probiotici e l'olio di pesce. C'e' solo un altro supplemento che considererei essenziale, soprattutto in una fase di trattamento iniziale, ed e' un supplemento multi-minerale, multi vitaminico e multi aminoacidi. Ha senso somministrarlo finchè la digestione del bambino non migliori tanto da cominciare a ricavare i nutrienti dalla sua dieta. Le persone che seguono una moderna dieta sono deficienti in un sacco di cose perchè da un lato non prendono gli essenziali nutrienti dal cibo e dall'altro consumano sostanze che privano il corpo di quegli essenziali nutrienti. Parlando di minerali, siamo ancora in un'area grigia. Personalmente, non consiglio nessuno di prendere minerali singoli.Tutti i minerali competono per l'assorbimento nell'intestino e, se un minerale viene introdotto in eccesso, blocca l'area di assorbimento e causa una deficienza di altri minerali. Nella biochimica umana tutti i minerali o le vitamine lavorano in tandem con tutti gli altri minerali, vitamine e aminoacidi. Un eccesso di uno di questi causa uno sbilanciamento. Considerando che un bambino autistico non assorbe i nutrienti molto bene, è importante fornirli in una forma liquida. In questo modo sarà assorbita una quantità notevole dalle mucose della bocca, della gola e dell'esofago. Molti test hanno dimostrato che l'assorbimento massimo è raggiunto da un liquido ed il minimo dai supplementi in tavoletta. Le capsule sono meglio delle tavolette, ma non buone come i liquidi. La maggioranza dei bambini autistici sono anemici: sono pallidi e deboli e, se si fanno esami del sangue, generalmente mostrano variazioni tipiche per mancanza di ferro. Comunque  supplementare il ferro in qualsiasi forma non è una buona idea: l'assorbimento di ferro nel corpo è un processo molto complicato. Richiede vitamine C, B1, B2, B12, acido folico, alcuni minerali e diversi aminoacidi. E' stato dimostrato in studi in larga scala nei paesi del terzo mondo e in paesi sviluppati che la supplementazione di ferro è inefficace nel trattare l'anemia. Inoltre, i supplementi di ferro quasi invariabilmente causano problemi gastrointestinali (stitichezza, diarrea, dolori , ecc,) perchè irritano la parete intestinale e nutrono i batteri patogeni nell'intestino. Il miglior rimedio per l'anemia è mangiare il fegato. Cucinatelo come vi piace e siate sicuri che il vostro bambino prenda almeno 1 o 2 cucchiai di fegato cotto ogni due o tre giorni. Non è molto e può essere nascosto nella carne se al vostro bambino non piace il sapore. Con l'uso di un buon probiotico e una dieta appropriata il corpo inizierà poi  a prendere tutti i nutrienti necessari per guarire l'anemia.
I supplementi sono un grande argomento. Qui abbiamo parlato di quelli essenziali. ma ci sono un sacco di supplementi che possono essere aggiunti al programma nutrizionale di vostro figlio, a seconda delle sue individuali necessità. Comunque, una volta che la digestione e l'assorbimento migliorano con l'uso della dieta, probiotici e olio di pesce, il bambino assumerà i nutrienti naturalmente dal cibo, come dovrebbe essere.

Read more...
<< Start < Previous 91 92 93 94 95 96 Next > End >>

Results 829 - 837 of 863