http://www.genitoricontroautismo.org

Solamente grazie Stampa E-mail

Ieri abbiamo ricevuto nel nostro forum questo messaggio, inviatoci da due nostri iscritti, Stefano e Doriana, genitori di Nicolò.
Era il loro primo post e si intitolava "Solamente grazie"; questo ne era il testo:

Buongiorno a tutti,
siamo una coppia di Genova, con un bimbo di otto anni, e sapete la novità? E' un bambino assolutamente normale. Gioca, ride, parla, come tutti.
Ieri, per esempio, l'abbiamo portato ad una festa di paese; appena arrivato si è buttato dentro uno scivolo gonfiabile e si è messo a giocare in mezzo a dieci bambini come lui, saltando e correndo, poi quando si è sentito stanco (venti minuti di follia) ha voluto andare ad ascoltare un gruppo di musicisti li vicino, si trattava di un gruppo Rock che suonava ad una pressione acustica impressionante e Nicolò nulla! Seduto se li mangiava con gli occhi! Dopo un pò è voluto tornare a giocare nello scivolo e via ... altri venti minuti di follia, di contentezza, di urla, papà papà guarda cosa faccio!!! Il ritorno a casa seduto tranquillo in macchina ed una serata serena senza un capricco .
La novità risiede nel fatto che sino ad Agosto dello scorso anno Nicolò aveva tutti quei disturbi che Voi conoscete fin troppo bene!
E tutti i dottori che l'avevano visto non avevano fatto altro che tentare di rassegnarci al destino nostro, ma soprattutto al suo.
Poi la Ns. caparbietà ha fatto in modo di arrivare al Vs. sito, troppo vero, fatto di e da gente come Noi, come non crederci? A Settembre la dieta, Dicembre Dott. Verzella e Dott. Benvenuti, Gennaio cura per la candida da Marzo integratori, siamo a Giugno ...Quando ci penso non mi sembra vero! Ed è per questo che ho tardato cosi tanto a comunicarvi la nostra gratitudine.
E Allora soltanto un Grazie, non posso fare altro che ringraziare il vostro sito oltre che a farlo leggere a tutti quelli che posso, un Grazie immenso per quello che state facendo ed un augurio a tutti di cuore perchè tutti abbiate il successo che ha avuto Nicolò e che meritate.
Cordialità
Stefano e Doriana

Abbiamo chiesto a Stefano e Doriana di scrivere per i genitori di GCA la loro storia, per poterla condividere con chiunque combatta contro l'autismo del proprio figlio e loro lo hanno fatto rendendoci partecipi dei successi di Nicolò, sperando che diventino i successi di tanti bambini:

Ciao a tutti,
come promesso oggi cercheremo di ricapitolare la nostra storia.
Nicolò nasce nel 1998 il 18 di febbraio, bimbo sano che segue tutta la trafila più classica fino ai 4 anni.
In concomitanza con l' inizio dell'asilo, però, ci rendiamo conto (forse di più Doriana) che il bambino invece di approffittare delle nuove esperienze scolastiche e quindi di crescere intellettualment, incomincia inspiegabilmente a regredire in modo preoccupante.
Tutto quello che negli anni precedenti era diventato il suo bagaglio, nelle parole, nelle intenzioni, negli affetti, nelle socializzazioni familiari e non, improvvisamente e sopratutto velocemente tende a sparire, a cancellarsi .
Lentamente, molto lentamente anche per Noi, si affacciano, nuove domande a cui non riusciamo a dare risposte precise.
Sarà l' asilo? Sarà il nuovo ambiente? Il distacco dalla mamma?
In realtà Nicolò non sembrava prendere male la nuova condizione , non ha mai pianto, non mostrava reticenza nei confronti dell' istituto ...si limitava ogni tanto a boffonchiare cose, cose ... sempre comunque spiacevoli, parlava (è un termine generoso) insomma, si intuiva che c'era un malessere, ma quale?
Abbiamo parlato con le maestre ed il quadro che ne è uscito è stato decisamente sconfortante, il bambino non socializzava con nessuno, ne bambini ne tantomeno adulti, si isolava in un gioco e perseguiva soltanto quello.
Tutto ciò abbinato al linguaggio decisamente incomprensibile dipingevano un quadro allarmante.
La pediatra che fino a quel momento, nonostante le visite di routine ed i vaccini, non aveva notato nulla, dietro precisa richiesta ci consigliò una visita logopedistica .
Quindi all'età di 4 anni e mezzo Nicolò ha iniziato la trafila medica.
La prima psicoterapeuta infantile ha sostenuto che il bimbo non ha nessun problema se non quello del linguaggio e che se vogliamo per scrupolo, vista la fortuna di noi genovesi di avere un centro come il Gaslini, ci consiglia di fare una visita approfondita nello stesso.
Detto e fatto, siamo cosi fortunati e scrupolosi, che qualche tempo dopo quando ormai si avvicinava natale ci trovammo noi tre al reparto neuropsicologia infantile dell'ospedale di Genova Giannina Gaslini .
Bene dobbiamo confessare, che solo quella mattina ci siamo resi conto appieno di cosa ci stava capitando, fino ad allora, i toni smorzati di tutti, parenti compresi ci avevano leggermente allontanato dal problema: "Ma è il suo carattere!", "Anche tu eri cosi da piccino", e via via tutte quelle frasi, sicuramente dette per amore, le sentenze dei "Pediatri" ci avevano distratti, allontanato dal problema e forse noi ne eravamo anche consapevoli.
Forse era quello che volevamo sentirci dire.
Tutte le visite di rito, encefalogramma, da sveglio, dormendo, sedute con la psicologa, test vari, per ottenere una diagnosi:
nessun disturbo o danno organico e/o fisiologico, nessun ritardo mentale, leggero ritardo dello sviluppo psicologico con conseguenti problemi espressivi. Terapia consigliata: logopedia.
Inutile dire che ci siamo azionati immediatamente e abbiamo contattato un centro di logopedia, con il quale abbiamo preso accordi per iniziare la terapia dal Gennaio.
Avremmo dovuto essere felici, ma la sensazione di noi genitori era diversa.
Nicolò peggiorava, ogni giorno, altro che logopedia.
La sera non si accorgeva neanche del mio rientro, se mi sedevo accanto a lui mi mandava via, l'affetto nei miei confronti era sempre minore.
Incominciammo a fare caso a molte altre cose, nei momenti di svago Nicolò tendeva sempre di più ad isolarsi, i giochi erano sempre gli stessi, ammesso che gli interessassero, il nervoso spesso appariva e la parola non migliorava .
Ma decisamente il tutto per noi è precipitato il giorno di Natale: al suo risveglio Nicolò non ha ascoltato nessuno, non ha voluto neanche guardare i giochi ed anzi si è chiuso in se stesso piangendo e rifiutando qualunque cosa noi gli proponessimo. Siamo sicuri che capirete che giornata: il più brutto natale della nostra vita.
Con l'arrivo dell'anno nuovo Nicolò incominciò anche ad avere problemi di stipsi. Passavano anche sei giorni tra una evacuazione e l'altra ...Non ci siamo persi d'animo, anzi, ma quali erano le strade possibili?
1° la pediatra, cribbio è laureata, saprà bene come aiutarci no?
Risposta: il bimbo mangia poca verdura.
Obiezione: veramente Nicolò adora la verdura!
Risposta: allora beve poco!
Visita? Analisi? Niente di niente! Nicolò evacuava ogni 4/6 giorni perchè beveva poco!
Nel frattempo iniziata la logopedia, Nicolò ha convissuto con i suoi guai passando da piccoli miglioramenti (dovuti principalmente all'ingresso in un nuovo asilo dove veniva decisamente seguito) a piccoli regressi, per un anno circa.
Nel frattempo la diagnosi si era trasformata in "leggero autismo" con conseguente aggiunta di terapia di psicomotricità.
E stranamente, ma inequivocabilmente sono incominciate ad apparire stereotipie di vario tipo, Nicolò si fissava su un argomento e parlava solo di quello per periodi interminabili, abbiamo avuto il periodo dei fulmini, quello delle campane, quello degli incidenti, insomma ... dura veramente dura, specialmente per lui.
Tutte le strade che provavamo arrivavano alla stessa conclusione, che ci lasciava veramente poche illusioni.
Questo era quello che ci sentivamo ripetere: se ... e sottolineo il se, ci saranno soluzioni, non illudetevi che esse arrivino in tempi brevi. Forse con gli anni ...Però siete una coppia fortunata perchè siamo arrivati presto!
Però Nicolò non migliorava, anzi aveva sviluppato una certa insensibilità al dolore un pò particolare, non piangeva per il dolore, ed era strano molto strano.
Di notte si muoveva molto, ma in maniera particolare e rideva spesso dormendo ...E finalmente arrivò il primo giorno di scuola! Quante ansie e preoccupazioni!
Ecco, in questa occasione però siamo veramente stati fortunati, perchè ottenuto il sostegno, il rapporto uno a uno conseguente, molto gradito da Nicolò, gli ha permesso di non rimanere molto indietro e di farci capire finalmente che il livello di apprendimento è nella norma .
Alla fine del primo anno scolastico comunque il quadro non era sostanzialmente cambiato, se non qualche miglioramento del linguaggio e nei rapporti con gli adulti.
Nicolò comunque difficilmente era in grado di articolare discorsi, nè tantomento di sostenere una conversazione.
La scorsa estate, senza più riferimenti precisi, delusi dalla terapia tradizionale è accaduta una cosa magica, perlomeno noi la consideriamo così: Doriana ha incontrato al centro di logopedia la mamma di una bimba con gravissime problematiche derivanti dall'utilizzo del vaccino trivalente; dopo un breve periodo di frequentazioni Doriana ha notato un evidente miglioramento nella bambina e veniva informata che questi erano avvenuti grazie a terapie alternative e accennò ad una dieta particolare.
Pochi giorni dopo per pura casualità Doriana ha assistito ad un programma televisivo in cui si parlava degli studi statunitensi in merito all' autismo.
Doriana me ne ha parlato e casualmente, pochi giorni dopo, di notte, in un momento (raro) di insonnia, ho acceso la tv ed ho assistito alla replica dello stesso programma .
Incredibile ma è così, il giorno dopo internet, google, autismo, ed ecco il vostro sito!
Da quel momento questa escalation terribile che ci aveva tolto ogni speranza si è interrotta, potevamo credere nuovamente in una possibile soluzione! Il primo passo è stata la dieta senza glutine e dopo una settimana abbiamo eliminato anche i latticini e la caseina.
Nicolò è migliorato IMMEDIATAMENTE! Basti pensare che erano i primi di settembre ed il 22 al rientro a scuola le maestre erano sbalordite dal positivo atteggiamento del bambino in ogni settore! Più attento, tranquillo e soprattutto, finalmente sorridente!!!
Il nostro entusiasmo è cresciuto a dismisura; il 5 Dicembre siamo finalmente stati ricevuti dal Dott. Verzella e dalla Dott.ssa Benvenuti, che ci hanno subito diagnosticato una "bella"candida, che in realtà non ci ha sorpreso perchè già dal vostro splendido sito avevamo intuito che quei capelli aridi e spenti, la cute secca, la tensione nervosa potessero dipendere da questa patologia. Abbiamo perfezionato la dieta e dopo le analisi di rito, che hanno confermato, abbiamo trattato Nicolò con il Nizoral ed abbiamo terminato intorno al 15 di Febbraio. I miglioramenti si sono visti immedialtamente: pensate che Nicolò è ingrassato ben 4 kg. in 4 mesi! Ma l' escalation esaltante l'abbiamo avuta con gli integratori!
Se prima il nostro bambino alternava progressi a regressi, scatenando le nostre ansie, dall'assunzione degli integratori abbiamo assistito solo a miglioramenti.
Nicolò parla, sostiene conversazioni, ma principalmente parla con i suoi coetanei.
I discorsi senza nessun senso sono praticamente spariti , le stereotipie non compaiono da giorni, la musica non è più un fastidio, ma un piacere, Nicolò canta!
Insomma non vogliamo dire che Nicolò è guarito, ma possiamo dire che Nicolò sta bene!
Ora sta rincorrendo i suoi otto anni e speriamo che nessuno lo fermi.
Ci rendiamo conto di avere scritto un poema, ma l'entusiasmo è forte e saremo lieti di potervi contagiare, anzi di poter restituire un pò di quello che ci avete regalato in questo anno di consultazioni.
Per finire ...solamente un grazie a tutti, veramente a tutti voi.
Cordialità
Stefano Doriana e Nicolò