http://www.genitoricontroautismo.org

Supplementi per persone con autismo, della. Dr. N. Campbell-McBride Print E-mail

Un articolo della Dr. Campbell McBride sull'uso di supplementi nei bambini autistici.

Natasha Campbell-McBride si è laureata in medicina e specializzata in Neurologia. Attualmente sta prendendo una seconda specializzazione in Nutrizione Umana. Nella sua clinica a Cambridge si occupa di Nutrizione in bambini con difficoltà di apprendimento e di adulti con disordini digestivi e del sistema immune
Natasha è sposata e ha due bambini; suo figlio più grande è stato diagnosticato con autismo all'età di tre anni: la sua storia può essere letta QUI

La Dr. Campbell può essere contattata telefonicamente allo
01353 723234, o con e-mail a

SUPPLEMENTI PER BAMBINI CON AUTISMO

Tutti noi amiamo moltissimo i bambini e siamo pronti a fare del nostro
meglio per loro, non importa quanto difficile o caro possa essere. Questo ci rende soggetti a provare qualunque cosa nella speranza che possa aiutarli. Ho incontrato tantissime famiglie che hanno
dato al figlio 10, 15, 20 o più supplementi nutrizionali senza capire se qualcuno di questi stesse apportando o meno qualche beneficio.
I supplementi nutrizionali sono costosi e il mercato è pieno di centinaia di varie marche, molti delle quali hanno qualità dubbia e l'intera industria non è disciplinata molto correttamente. Non posso mai sottolineare abbastanza che una dieta appropriata deve essere l'intervento numero uno in un programma nutrizionale di successo di un bambino autistico. Comunque, alcuni supplementi possono essere molto utili e alcuni addirittura essenziali, particolarmente in uno stadio iniziale. Qui vorrei parlare dei supplementi che, secondo me, può avere importanza somministrare ad un bambino autistico. Parlando di supplementi, la prima cosa da considerare è se questi supplementi saranno assorbiti dal tratto digestivo. I bambini autistici hanno subito danni al tratto intestinale e presentano anormale flora batterica.
Nel mio precedente intervento abbiamo trattato il ruolo della normale flora intestinale nell'intestino umano. I bambini autistici non hanno normale flora intestinale:per varie ragioni i batteri benefici scarseggiano nel tratto digestivo di un bambino autistico. Come risultato, la digestione e l'assorbimento dei cibi è inferiore al dovuto. I bambini autistici non assorbono i nutrienti bene, compresi i supplementi. per cui finchè non faremo il possibile per normalizzare la flora intestinale, un sacco di costosi supplementi saranno presi senza poter fare molto bene al bambino. Per migliorare la flora intestinale e iniziare un processo di guarigione nel tratto digestivo devono essere presi tre provvedimenti.

1 La dieta, essenziale per il bambino autistico:si tratta di una dieta progettata per stimolare la flora benefica e affamare quella patogenadi germi "cattivi" che, in assenza dei batteri "buoni", si impadronisce dell'intero intestino. La dieta va fatta anche per rendere il lavoro del tratto digestivo il più semplice possibile fornendo al tempo stesso nutrienti molto ricchi.

2 Un probiotico: si tratta di  batteri benefici contenuti in una capsula. Quando un probiotico efficiente viene introdotto nell'intestino, lo libererà dai batteri "cattivi" e da vecchie putrefazioni e ristabilirà la normale flora iniziando il processo di guarigione, consentendo che il bambino inzi a digerire e ad assorbire i cibi appropriatamente mentre il sistema immunitario avrà la giusta stimolazione e l'intero tratto digestivo, invece di essere la maggiore fonte di tossicità, diventerà una fonte di nutrimento. Ci sono un sacco di differenti probiotici sul mercato. Molti di loro non sono molto efficaci. Spiegherò il perchè: contengono solo le tradizionali famiglie di batteri probiotici e cioà Lactobacilli e Bifidobacteria. Questi batteri sono molto buoni se hanno la possibilità di raggiungere la parete intestinale. Nei bambini autistici però la parete intestinale è completamente ricoperta di muco e residui putrefatti, piena di microbi anormali che ci vivono. Per ripulirla e consentire ai Lactobacilli e ai Bifidobacteria di raggiungere la parete intestinale sono necessari i batteri della famiglia Bacillus Subtilis. Questi batteri sono usati nella biodegradazione degli scarti e sono molto efficaci nel digerire e ripulire la parete intestinale dallo strato di putrefazione. Questo processo prende diverso tempo e la dieta è essenziale per supportarlo, ma con costanza e perseveranza si può riuscire. Scegliete un probiotico con alta concentrazione (10Billion/Gram o più), con più ceppi di batteri possibili, compresa la famiglia Bacillus Subtilis.

3. Olio di pesce: sono stati fatti studi su studi dimostranti che l'olio di pesce e il cod liver oil hanno una forte influenza nella guarigione dell'intestino. Infatti se si auspica una guarigione, si deve necessariamente dare olio di pesce. I bambini autistici semplicemente non ne hanno abbastanza. La sola cosa che dovete guardare, se usate il Cod Liver Oil, è il contenuto di vit A, in quanto una overdose di Vit A può essere tossica per il fegato. Un livello tossico di VitA è di 8000 mg al giorno per un bambino e più di 40000 mg al giorno per un adulto. Questo si traduce in circa 30 ml del normale Cod Liver Oil al giorno per un bambino e 140 ml al giorno per un adulto. Difficilmente qualcuno può assumere queste quantità. Un cucchiaino da te pieno di cod liver oil due volte al giorno sarà adeguato per il vostro bambino. Gli oli di pesce hanno quantità più basse di vitA e possono perciò essere presi in dosi maggiori. Parlando degli oli di pesce, essi non solo sono essenziali per la salute intestinale, ma anche per il normale sviluppo e funzionamento del sistema nervoso, del sistema immunitario, degli organi sensori, del bilanciamento ormonale e di un sacco di altri sistemi e organi del corpo. Supplementare l'olio di pesce dovrebbe essere un obbligo per ogni bambino, non solo per un bambino autistico. Vorrei anticipare qui una domanda ovvia: l'oilo di pesce è una fonte di acidi grassi Omega-3. Può essere sostituito con il flax seed oil (olio di semi di lino), che fornisce anche acidi grassi Omega-3? Io personalmente preferisco gli oli di pesce, perchè questi sono stati usati molto più a lungo degli oli di semi di lino e contengono altre sostanze benefiche. Comunque, se il gusto dell'olio di pesce è un ostacolo nel caso di vostro figlio, potete provare l'olio di semi di lino. Oltre agli Omega-3, ci sono gli Omega-6: questi sono i due principali giocatori del nostro metabolismo ecosanoide.
L'argomento degli ecosanoidi è molto complesso e estremamente importante. Qui sarà sufficiente dire che dovete essere molto cauti nel supplementare gli oli Omega-6. Io non consiglio di usarli come supplementi. Date al vostro bambino una tavoletta di semi di girasole al giorno e così prenderà una buona quantità di oli Omega-6 in una forma naturale. Ammorbidite i semi di girasole in acqua durante la notte e spargeteli sul pasto del bambino e in questo modo  non solo prenderà i suoi oli Omega-6, ma anche alcune vitamine e minerali essenziali.
Finora abbiamo discusso di due essenziali supplementi per i bambini autistici: i probiotici e l'olio di pesce. C'e' solo un altro supplemento che considererei essenziale, soprattutto in una fase di trattamento iniziale, ed e' un supplemento multi-minerale, multi vitaminico e multi aminoacidi. Ha senso somministrarlo finchè la digestione del bambino non migliori tanto da cominciare a ricavare i nutrienti dalla sua dieta. Le persone che seguono una moderna dieta sono deficienti in un sacco di cose perchè da un lato non prendono gli essenziali nutrienti dal cibo e dall'altro consumano sostanze che privano il corpo di quegli essenziali nutrienti. Parlando di minerali, siamo ancora in un'area grigia. Personalmente, non consiglio nessuno di prendere minerali singoli.Tutti i minerali competono per l'assorbimento nell'intestino e, se un minerale viene introdotto in eccesso, blocca l'area di assorbimento e causa una deficienza di altri minerali. Nella biochimica umana tutti i minerali o le vitamine lavorano in tandem con tutti gli altri minerali, vitamine e aminoacidi. Un eccesso di uno di questi causa uno sbilanciamento. Considerando che un bambino autistico non assorbe i nutrienti molto bene, è importante fornirli in una forma liquida. In questo modo sarà assorbita una quantità notevole dalle mucose della bocca, della gola e dell'esofago. Molti test hanno dimostrato che l'assorbimento massimo è raggiunto da un liquido ed il minimo dai supplementi in tavoletta. Le capsule sono meglio delle tavolette, ma non buone come i liquidi. La maggioranza dei bambini autistici sono anemici: sono pallidi e deboli e, se si fanno esami del sangue, generalmente mostrano variazioni tipiche per mancanza di ferro. Comunque  supplementare il ferro in qualsiasi forma non è una buona idea: l'assorbimento di ferro nel corpo è un processo molto complicato. Richiede vitamine C, B1, B2, B12, acido folico, alcuni minerali e diversi aminoacidi. E' stato dimostrato in studi in larga scala nei paesi del terzo mondo e in paesi sviluppati che la supplementazione di ferro è inefficace nel trattare l'anemia. Inoltre, i supplementi di ferro quasi invariabilmente causano problemi gastrointestinali (stitichezza, diarrea, dolori , ecc,) perchè irritano la parete intestinale e nutrono i batteri patogeni nell'intestino. Il miglior rimedio per l'anemia è mangiare il fegato. Cucinatelo come vi piace e siate sicuri che il vostro bambino prenda almeno 1 o 2 cucchiai di fegato cotto ogni due o tre giorni. Non è molto e può essere nascosto nella carne se al vostro bambino non piace il sapore. Con l'uso di un buon probiotico e una dieta appropriata il corpo inizierà poi  a prendere tutti i nutrienti necessari per guarire l'anemia.
I supplementi sono un grande argomento. Qui abbiamo parlato di quelli essenziali. ma ci sono un sacco di supplementi che possono essere aggiunti al programma nutrizionale di vostro figlio, a seconda delle sue individuali necessità. Comunque, una volta che la digestione e l'assorbimento migliorano con l'uso della dieta, probiotici e olio di pesce, il bambino assumerà i nutrienti naturalmente dal cibo, come dovrebbe essere.