http://www.genitoricontroautismo.org

L'era dell'autismo: un nuovo approccio, di Dan Olmsted Stampa E-mail

Email Dan at



WASHINGTON, April 26 (UPI)

La Dr. Elizabeth Mumper non è una persona che ama andare contro corrente. È una pediatra del sud Virginia, della città di Lynchburg, meglio conosciuta come la patria del Rev. Jerry Falwell's Liberty Baptist University.

 

Si è laureata all' University of Virginia Medical School, dove oggi è professore associato di clinica pediatrica.

Circa dieci anni fa, dice la Mumper, cominciò a notare un peggioramento delle condizioni generali di salute dei bambini che visitava, compreso un sorprendente aumento dei casi di autismo. Alla fine la Mumper cominciò a sospettare che un importante motivo di ciò fosse l'aumentato numero delle vaccinazioni infantili degli anni 90 -- e particolarmente del conservante a base di mercurio, il Thimerosal, contenuto in quei vaccini.--

Il governo federale raccomandò di eliminare gradualmente il Thimerosal nei vaccini infantili nel 1999 come misura precauzionale, ma i dirigenti della sanità dissero che l'evidenza epidemiologica negava l'implicazione del thimerosal o dei vaccini.

 

La scorsa settimana, la Mumper è stata nominata direttore medico dell' Autism Research Institute di San Diego, un gruppo che sospetta che il mercurio, e alcuni vaccini stessi, siano implicati nei disordini dell'infanzia. Questo weekend, lei e diversi suoi colleghi della stessa opinione descriveranno il loro approccio in una conferenza a Charlottesville, (Va). Questo primo articolo è la trascrizione di una intervista con la Mumper della United Press International.

 

D.. Come ha abbracciato questa linea di pensiero? Come lei sa, i gruppi medici tradizionali, compresa l' American Association of Pediatrics, ha rigettato con fermezza l'idea che i vaccini giochino un ruolo qualsivoglia nell'autismo o in altri disordini. Loro dicono anche che è pericoloso

continuare ad insinuare l'idea della dannosità dei vaccini, perchè i genitori potrebbero smettere di vaccinare i loro bambini--per non parlare della perdita di denaro.

Molti anche credono non ci sia un reale aumento nel disordine, ma solo migliori diagnosi

 

R. A metà degli anni 90, ebbi come l'intuizione, come medico che era entrato nelle stanze di centinaia di pazienti, che i bambini erano più malati.

Quando chiesi a me stessa a cosa stavo assistendo, capii che stavo vedendo un numero maggiore di problemi dello sviluppo.; stavo vedendo un sacco di problemi del linguaggio; stavo vedendo più autismo; stavo vedendo molto più ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder); stavo vedendo più asma, più eczema--tutta quella specie di condizioni allergiche auto-immuni.

Cominciai ad avere più pazienti diabetici. Nella mia piccola pratica -- seguivo circa 1700 pazienti-- avevo 4 diabetici insulina dipendenti, ed erano piccoli, diagnosticati a 16 mesi. L'incidenza del diabete sarebbe dovuta essere 15 anni fa qualcosa come 1 su 2000 bambini Così, per me come medico, si poneva la domanda " È veramente Autismo?" o "È veramente Asperger?" ( una variante più leggera) o abbiamo esteso questa definizione e incluso più bambini danneggiati dal punto di vista neurologico? La domanda doveva essere: Cosa sta succedendo ad un bambino su sei in America che sia il CDC che l'American Academy of Pediatrics riconoscono avere una disabilità del neurosviluppo?

Questa secondo me è la domanda da porsi.

 

D. Ed è più di quello che dovrebbe essere?

 

R. Oh, si. In Virginia c'è un aumento di 66 volte dell'ADHD dal 1985. Per cui potremmo dire " OK, forse stiamo over-diagnosticando la metà dei casi, perchè i rappresentanti delle ditte farmaceutiche ci vengono a trovare e chiedono prescrizioni per i bambini anche quando realmente non hanno

problemi"-- Potrei eliminare la metà dei miei casi di ADHD e avere lo stesso un incremento enorme che chiede una spiegazione.

 

L'Autismo è aumentato di 11 volte in Virginia dal 1985. Se guardate da soli a cose come allergie alle nocciole e all'asma, noterete che anche questi numeri stanno crescendo.

 

Ora, quanto questo è collegato ai vaccini, quanto alle tossine ambientali o ad altri fattori? Questo è molto, molto, molto poco chiaro, ma bisogna coinvolgere la scienza ( laboratori) che sta cercando di capire i meccanismi della tossicità del mercurio e che per molti, molti anni ha documentato tutte le orribili cose che il mercurio fa al sistema immunologico e nervoso; e se poi osservate tutte queste cose che teoricamente potrebbero essere causate dal thimerosal, e i livelli di thimerosal nei vaccini, i livelli di Ritalin, i livelli di Autismo, i livelli di ADHD seguire nel tempo tutti la stessa curva in aumento, come potreste non guardare a questo con estremo interesse?

 

D. L' Institute of Medicine, il Centers for Disease Control and Prevention, la Food and Drug Aministration e altri dicono che hanno osservato questi fenomeni, e che l'epidemiologia in realtà nega queste cose. La IOM ha detto che i fondi per i ricercatori sull'autismo dovrebbero ora andare ad aree più "promettenti".

 

R. Ma se si guarda allo studio danese, che loro usano molto per confutare la connessione tra autismo e thimerosal, non è una condizione analoga a quella degli United States: i bambini danesi ricevono solo sei dosi di vaccini con thimerosal nei primi anni di vita rispetto ai 12 degli the United States. Lo studio danese voleva mostrare un incremento dell'autismo dopo la rimozione del thimerosal del 1992, ma i criteri diagnostici erano cambiati e i dati comprendevano anche i pazienti ambulatoriali, mentre precedentemente contavano solo quelli ricoverati.

 

 

 

D quale è la tua filosofia di trattamento per i bambini AS?

R La premessa basilare della nostra strategia di trattamento è di indirizzare ogni trattamento lla costellazione unica dei problemi del singolo bambino, come determinato dalla storia del bambino, esame fisico e esami mirati. Alcuni trattamenti aiutano qualche bambino, ma non qualche altro bambino con problemi diversi.

Molti pazienti con autismo hanno grosse patologie gastrointestinali, che possono essere viste con endoscopia e patologia. I trattamenti mirati alle loro esofagiti, gastriti o infiammazioni intestinali spesso portano miglioramenti nei comportamenti autolesionistici come sbattere la testa, che crediamo siano segni di dolore fisico in bambini che non possono comunicarlo. Molti pazienti con problemi del sonno hanno iniziato a dormire la notte quando la loro esofagite erosiva veniva trattata. Altri pazienti con pianto immotivato o capricci si sono calmati quando l'infiammazione intestinale è stata curata con antinfiammatori.

 

D e per i problemi neurologici?

R molti bambini AS hanno anormalità nei cicli della metilazione. La metilazione è il processo biochimico di aggiungere un atomo di carbonio e 3 idrogeni, ed è cruciale per la formazione del nuovo DNA, la sintesi dei neurotrasmettitori e la creazione di membrane cellulari fosfo-lipidiche. Lo studio attento della biochimica cellulare del singolo bambino porta a trattamenti con metilcobalamina e acido folico, che è stato dimostrato correggere i deficit di glutatione ridotta, che è il maggiore antiossidante intracellulare. La glutatione ha un ruolo vitale anche nelle funzioni immunitarie, nella struttura intestinale e nella detossificazione. Correggere questa biochimica rende il bambino più in salute e spesso migliora il linguaggio e la socializzazione.

 

D credi che quello che accade è che qualche bambino ha un deficit genetico o metabolico della glutatione che rende più difficile l'escrezione dei metalli pesanti --come il mercurio usato nei vaccini. Come rientra ciò nel piano di trattamento?

R Molti bambini AS hanno problemi coi circuiti dei sistemi di sulfatazione e detossificazione. Le strategie terapeutiche mirate ad aumentare i meccanismi del corpo per eliminare le tossine ambientali sono associate con una diminuzione dei cosiddetti comportamenti autistici. I nostri pazienti hanno spesso evidenze di grosso stress ossidativo, che può essere efficacemente trattato con terapie relativamente semplici, come vitamine A, C, E e selenio.

 

D quanti pazienti hai trattato con questo metodo?

R Circa 800. Cerchiamo di indagare su problemi medici sottostanti che possono essere trattai, in modo che il bambino sia più sano e risponda meglio alle terapie educative e comportamentali. Crediamo fortemente nel lavoro unito con educatori e terapisti.

 

D Quanto funziona secondo te?

R c'è qualche paziente che non abbiamo aiutato molto, malgrado tutti gli sforzi. Ci sono altri pazienti i cui genitori descrivono straordinari miglioramenti in linguaggio, comportamenti e socializzazione. A volte è come se si accendesse una lampadina.

Uno dei momenti più gratificanti della mia carriera è stato quando un bambino non verbale di 6 anni ha detto MAMMA per la prima volta dopo diversi mesi da quando avevamo iniziato a correggere le sue anormalità biochimiche. Non dimenticherò mai lo sguardo della madre mentre mi ringraziava. Certo, non posso provare che non avrebbe detto MAMMA senza i nostri interventi,

Un altro momento è stato quando un ragazzino di 15 anni, che non dormiva di notte da 4 anni, ha iniziato a dormire tutta la notte dopo una settimana dall'identificazione di una esofagite corrosiva e il trattamento. Doveva trovarsi in agonia, e la madre era cronicamente stanca.

 

 

 

D. Le argomentazioni contrarie a questo dicono che i bambini autistici migliorerebbero in ogni modo; che i loro disordini non erano così gravi come originariamente si credeva, o che i trattamenti comportamentali in atto nello stesso tempo sono quelli che realmente hanno fatto la differenza. Come risponde a questo?

R. Siamo molto consapevoli del potenziale per avere pregiudizi nel notare i miglioramenti-- o la mancanza di ciò-- quando genitori o operatori sanitari sono gli unici che valutano il bambino.

 

Cerchiamo di tenere le maestre, i terapisti e i parenti di secondo grado "all'oscuro" del fatto che i bambini stanno seguendo un intervento biomedico. Chiediamo ai genitori di registrare ogni commento spontaneo che loro fanno e frequentemente abbiamo commenti che riferiscono di importanti miglioramenti nel linguaggio o nei comportamenti.

Paragoniamo inoltre la traiettoria dello sviluppo prima e dopo l'intervento biomedico. Per esempio, un bambino in logopedia può fare 4 mesi di progressi in 18 mesi prima dei nostri interventi, e poi 10 mesi di progressi in 3 mesi dopo i nostri trattamenti, che suggeriscono--ma non provano--la loro efficacia.

Abbiamo un sistema di valutazione composto da 40 domande che usiamo per valutare gli effetti della nostra MB12 e dell'acido folico. Esso utilizza dati ottenuti da osservatori all'oscuro dell'intervento. Il MIND Institute at the University of California a Davis sta portando avanti una prova del protocollo in doppio cieco, con gruppo di controllo placebo, che utilizza sofisticati test psicologici e educazionali prima e dopo.

Sto lavorando con alcuni colleghi che stanno conducendo una valutazione comportamentale e educazionale alla partenza e dopo gli interventi biomedici, in modo tale da stabilire una traiettoria di sviluppo personale per ogni bambino che venga tracciata da terapisti inconsapevoli degli interventi medici.

 

D. Cosa pensano di questo i pediatri?

 

R. La maggior parte dei miei colleghi pediatri hanno accettato le conclusioni della IOM e pensano sinceramente che il caso sia chiuso a proposito delle relazioni tra autismo e vaccini.

 

Sono preoccupata del fatto che molti miei colleghi pensioni che io abbia perso la testa.

 

D. Allora, su cosa basa le sue teorie?

 

R. Le mie conclusioni sulla scienza coinvolgente i vaccini vengono dopo la lettura di più di 50 libri, compresi alcuni molto tecnici su neuropsicofarmacologia, biochimica e immunologia.

 

Il mio interesse su questi argomenti è venuto quando mi fu chiesto di scrivere un capitolo di un libro sullo sviluppo pediatrico, che comprende autismo e ADHD, e un altro su allergia e immunologia. Da allora, ho letto centinaia di articoli su qualificate riviste scientifiche su questi temi.

 

Ho in testa un paradigma in cui molta scienza si compone in modo da rendere completamente plausibile un link vaccini--autismo, sebbene non sia questo il solo fattore per l'autismo.

Mio marito, Michael, è uno psichiatra. Lui ha una teoria che i pediatri sono, come gruppo, brava gente impegnata ad aiutare i bambini talmente tanto da rendere troppo doloroso da sostenere il pensiero che essi abbiano intenzionalmente danneggiato una generazione di bambini.

 

 

 

 

 

 

 

D quale è la tua filosofia di trattamento per i bambini AS?

R La premessa basilare della nostra strategia di trattamento è di indirizzare ogni trattamento lla costellazione unica dei problemi del singolo bambino, come determinato dalla storia del bambino, esame fisico e esami mirati. Alcuni trattamenti aiutano qualche bambino, ma non qualche altro bambino con problemi diversi.

Molti pazienti con autismo hanno grosse patologie gastrointestinali, che possono essere viste con endoscopia e patologia. I trattamenti mirati alle loro esofagiti, gastriti o infiammazioni intestinali spesso portano miglioramenti nei comportamenti autolesionistici come sbattere la testa, che crediamo siano segni di dolore fisico in bambini che non possono comunicarlo. Molti pazienti con problemi del sonno hanno iniziato a dormire la notte quando la loro esofagite erosiva veniva trattata. Altri pazienti con pianto immotivato o capricci si sono calmati quando l'infiammazione intestinale è stata curata con antinfiammatori.

 

D e per i problemi neurologici?

R molti bambini AS hanno anormalità nei cicli della metilazione. La metilazione è il processo biochimico di aggiungere un atomo di carbonio e 3 idrogeni, ed è cruciale per la formazione del nuovo DNA, la sintesi dei neurotrasmettitori e la creazione di membrane cellulari fosfo-lipidiche. Lo studio attento della biochimica cellulare del singolo bambino porta a trattamenti con metilcobalamina e acido folico, che è stato dimostrato correggere i deficit di glutatione ridotta, che è il maggiore antiossidante intracellulare. La glutatione ha un ruolo vitale anche nelle funzioni immunitarie, nella struttura intestinale e nella detossificazione. Correggere questa biochimica rende il bambino più in salute e spesso migliora il linguaggio e la socializzazione.

 

D credi che quello che accade è che qualche bambino ha un deficit genetico o metabolico della glutatione che rende più difficile l'escrezione dei metalli pesanti --come il mercurio usato nei vaccini. Come rientra ciò nel piano di trattamento?

R Molti bambini AS hanno problemi coi circuiti dei sistemi di sulfatazione e detossificazione. Le strategie terapeutiche mirate ad aumentare i meccanismi del corpo per eliminare le tossine ambientali sono associate con una diminuzione dei cosiddetti comportamenti autistici. I nostri pazienti hanno spesso evidenze di grosso stress ossidativo, che può essere efficacemente trattato con terapie relativamente semplici, come vitamine A, C, E e selenio.

 

D quanti pazienti hai trattato con questo metodo?

R Circa 800. Cerchiamo di indagare su problemi medici sottostanti che possono essere trattai, in modo che il bambino sia più sano e risponda meglio alle terapie educative e comportamentali. Crediamo fortemente nel lavoro unito con educatori e terapisti.

 

D Quanto funziona secondo te?

R c'è qualche paziente che non abbiamo aiutato molto, malgrado tutti gli sforzi. Ci sono altri pazienti i cui genitori descrivono straordinari miglioramenti in linguaggio, comportamenti e socializzazione. A volte è come se si accendesse una lampadina.

Uno dei momenti più gratificanti della mia carriera è stato quando un bambino non verbale di 6 anni ha detto MAMMA per la prima volta dopo diversi mesi da quando avevamo iniziato a correggere le sue anormalità biochimiche. Non dimenticherò mai lo sguardo della madre mentre mi ringraziava. Certo, non posso provare che non avrebbe detto MAMMA senza i nostri interventi,

Un altro momento è stato quando un ragazzino di 15 anni, che non dormiva di notte da 4 anni, ha iniziato a dormire tutta la notte dopo una settimana dall'identificazione di una esofagite corrosiva e il trattamento. Doveva trovarsi in agonia, e la madre era cronicamente stanca.

 

 

 

D. Le argomentazioni contrarie a questo dicono che i bambini autistici migliorerebbero in ogni modo; che i loro disordini non erano così gravi come originariamente si credeva, o che i trattamenti comportamentali in atto nello stesso tempo sono quelli che realmente hanno fatto la differenza. Come risponde a questo?

R. Siamo molto consapevoli del potenziale per avere pregiudizi nel notare i miglioramenti-- o la mancanza di ciò-- quando genitori o operatori sanitari sono gli unici che valutano il bambino.

 

Cerchiamo di tenere le maestre, i terapisti e i parenti di secondo grado "all'oscuro" del fatto che i bambini stanno seguendo un intervento biomedico. Chiediamo ai genitori di registrare ogni commento spontaneo che loro fanno e frequentemente abbiamo commenti che riferiscono di importanti miglioramenti nel linguaggio o nei comportamenti.

Paragoniamo inoltre la traiettoria dello sviluppo prima e dopo l'intervento biomedico. Per esempio, un bambino in logopedia può fare 4 mesi di progressi in 18 mesi prima dei nostri interventi, e poi 10 mesi di progressi in 3 mesi dopo i nostri trattamenti, che suggeriscono--ma non provano--la loro efficacia.

Abbiamo un sistema di valutazione composto da 40 domande che usiamo per valutare gli effetti della nostra MB12 e dell'acido folico. Esso utilizza dati ottenuti da osservatori all'oscuro dell'intervento. Il MIND Institute at the University of California a Davis sta portando avanti una prova del protocollo in doppio cieco, con gruppo di controllo placebo, che utilizza sofisticati test psicologici e educazionali prima e dopo.

Sto lavorando con alcuni colleghi che stanno conducendo una valutazione comportamentale e educazionale alla partenza e dopo gli interventi biomedici, in modo tale da stabilire una traiettoria di sviluppo personale per ogni bambino che venga tracciata da terapisti inconsapevoli degli interventi medici.

 

D. Cosa pensano di questo i pediatri?

 

R. La maggior parte dei miei colleghi pediatri hanno accettato le conclusioni della IOM e pensano sinceramente che il caso sia chiuso a proposito delle relazioni tra autismo e vaccini.

 

Sono preoccupata del fatto che molti miei colleghi pensioni che io abbia perso la testa.

 

D. Allora, su cosa basa le sue teorie?

 

R. Le mie conclusioni sulla scienza coinvolgente i vaccini vengono dopo la lettura di più di 50 libri, compresi alcuni molto tecnici su neuropsicofarmacologia, biochimica e immunologia.

 

Il mio interesse su questi argomenti è venuto quando mi fu chiesto di scrivere un capitolo di un libro sullo sviluppo pediatrico, che comprende autismo e ADHD, e un altro su allergia e immunologia. Da allora, ho letto centinaia di articoli su qualificate riviste scientifiche su questi temi.

 

Ho in testa un paradigma in cui molta scienza si compone in modo da rendere completamente plausibile un link vaccini--autismo, sebbene non sia questo il solo fattore per l'autismo.

Mio marito, Michael, è uno psichiatra. Lui ha una teoria che i pediatri sono, come gruppo, brava gente impegnata ad aiutare i bambini talmente tanto da rendere troppo doloroso da sostenere il pensiero che essi abbiano intenzionalmente danneggiato una generazione di bambini.

 

 

di DAN OLMSTED

 

WASHINGTON, April 26 (UPI)

 

La Dr. Elizabeth Mumper non è una persona che ama andare contro corrente. È una pediatra del sud Virginia, della città di Lynchburg, meglio conosciuta come la patria del Rev. Jerry Falwell's Liberty Baptist University.

 

Si è laureata all' University of Virginia Medical School, dove oggi è professore associato di clinica pediatrica.

Circa dieci anni fa, dice la Mumper, cominciò a notare un peggioramento delle condizioni generali di salute dei bambini che visitava, compreso un sorprendente aumento dei casi di autismo. Alla fine la Mumper cominciò a sospettare che un importante motivo di ciò fosse l'aumentato numero delle vaccinazioni infantili degli anni 90 -- e particolarmente del conservante a base di mercurio, il Thimerosal, contenuto in quei vaccini.--

Il governo federale raccomandò di eliminare gradualmente il Thimerosal nei vaccini infantili nel 1999 come misura precauzionale, ma i dirigenti della sanità dissero che l'evidenza epidemiologica negava l'implicazione del thimerosal o dei vaccini.

 

La scorsa settimana, la Mumper è stata nominata direttore medico dell' Autism Research Institute di San Diego, un gruppo che sospetta che il mercurio, e alcuni vaccini stessi, siano implicati nei disordini dell'infanzia. Questo weekend, lei e diversi suoi colleghi della stessa opinione descriveranno il loro approccio in una conferenza a Charlottesville, (Va). Questo primo articolo è la trascrizione di una intervista con la Mumper della United Press International.

 

D.. Come ha abbracciato questa linea di pensiero? Come lei sa, i gruppi medici tradizionali, compresa l' American Association of Pediatrics, ha rigettato con fermezza l'idea che i vaccini giochino un ruolo qualsivoglia nell'autismo o in altri disordini. Loro dicono anche che è pericoloso

continuare ad insinuare l'idea della dannosità dei vaccini, perchè i genitori potrebbero smettere di vaccinare i loro bambini--per non parlare della perdita di denaro.

Molti anche credono non ci sia un reale aumento nel disordine, ma solo migliori diagnosi

 

R. A metà degli anni 90, ebbi come l'intuizione, come medico che era entrato nelle stanze di centinaia di pazienti, che i bambini erano più malati.

Quando chiesi a me stessa a cosa stavo assistendo, capii che stavo vedendo un numero maggiore di problemi dello sviluppo.; stavo vedendo un sacco di problemi del linguaggio; stavo vedendo più autismo; stavo vedendo molto più ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder); stavo vedendo più asma, più eczema--tutta quella specie di condizioni allergiche auto-immuni.

Cominciai ad avere più pazienti diabetici. Nella mia piccola pratica -- seguivo circa 1700 pazienti-- avevo 4 diabetici insulina dipendenti, ed erano piccoli, diagnosticati a 16 mesi. L'incidenza del diabete sarebbe dovuta essere 15 anni fa qualcosa come 1 su 2000 bambini Così, per me come medico, si poneva la domanda " È veramente Autismo?" o "È veramente Asperger?" ( una variante più leggera) o abbiamo esteso questa definizione e incluso più bambini danneggiati dal punto di vista neurologico? La domanda doveva essere: Cosa sta succedendo ad un bambino su sei in America che sia il CDC che l'American Academy of Pediatrics riconoscono avere una disabilità del neurosviluppo?

Questa secondo me è la domanda da porsi.

 

D. Ed è più di quello che dovrebbe essere?

 

R. Oh, si. In Virginia c'è un aumento di 66 volte dell'ADHD dal 1985. Per cui potremmo dire " OK, forse stiamo over-diagnosticando la metà dei casi, perchè i rappresentanti delle ditte farmaceutiche ci vengono a trovare e chiedono prescrizioni per i bambini anche quando realmente non hanno

problemi"-- Potrei eliminare la metà dei miei casi di ADHD e avere lo stesso un incremento enorme che chiede una spiegazione.

 

L'Autismo è aumentato di 11 volte in Virginia dal 1985. Se guardate da soli a cose come allergie alle nocciole e all'asma, noterete che anche questi numeri stanno crescendo.

 

Ora, quanto questo è collegato ai vaccini, quanto alle tossine ambientali o ad altri fattori? Questo è molto, molto, molto poco chiaro, ma bisogna coinvolgere la scienza ( laboratori) che sta cercando di capire i meccanismi della tossicità del mercurio e che per molti, molti anni ha documentato tutte le orribili cose che il mercurio fa al sistema immunologico e nervoso; e se poi osservate tutte queste cose che teoricamente potrebbero essere causate dal thimerosal, e i livelli di thimerosal nei vaccini, i livelli di Ritalin, i livelli di Autismo, i livelli di ADHD seguire nel tempo tutti la stessa curva in aumento, come potreste non guardare a questo con estremo interesse?

 

D. L' Institute of Medicine, il Centers for Disease Control and Prevention, la Food and Drug Aministration e altri dicono che hanno osservato questi fenomeni, e che l'epidemiologia in realtà nega queste cose. La IOM ha detto che i fondi per i ricercatori sull'autismo dovrebbero ora andare ad aree più "promettenti".

 

R. Ma se si guarda allo studio danese, che loro usano molto per confutare la connessione tra autismo e thimerosal, non è una condizione analoga a quella degli United States: i bambini danesi ricevono solo sei dosi di vaccini con thimerosal nei primi anni di vita rispetto ai 12 degli the United States. Lo studio danese voleva mostrare un incremento dell'autismo dopo la rimozione del thimerosal del 1992, ma i criteri diagnostici erano cambiati e i dati comprendevano anche i pazienti ambulatoriali, mentre precedentemente contavano solo quelli ricoverati.

 

 

 

D quale è la tua filosofia di trattamento per i bambini AS?

R La premessa basilare della nostra strategia di trattamento è di indirizzare ogni trattamento lla costellazione unica dei problemi del singolo bambino, come determinato dalla storia del bambino, esame fisico e esami mirati. Alcuni trattamenti aiutano qualche bambino, ma non qualche altro bambino con problemi diversi.

Molti pazienti con autismo hanno grosse patologie gastrointestinali, che possono essere viste con endoscopia e patologia. I trattamenti mirati alle loro esofagiti, gastriti o infiammazioni intestinali spesso portano miglioramenti nei comportamenti autolesionistici come sbattere la testa, che crediamo siano segni di dolore fisico in bambini che non possono comunicarlo. Molti pazienti con problemi del sonno hanno iniziato a dormire la notte quando la loro esofagite erosiva veniva trattata. Altri pazienti con pianto immotivato o capricci si sono calmati quando l'infiammazione intestinale è stata curata con antinfiammatori.

 

D e per i problemi neurologici?

R molti bambini AS hanno anormalità nei cicli della metilazione. La metilazione è il processo biochimico di aggiungere un atomo di carbonio e 3 idrogeni, ed è cruciale per la formazione del nuovo DNA, la sintesi dei neurotrasmettitori e la creazione di membrane cellulari fosfo-lipidiche. Lo studio attento della biochimica cellulare del singolo bambino porta a trattamenti con metilcobalamina e acido folico, che è stato dimostrato correggere i deficit di glutatione ridotta, che è il maggiore antiossidante intracellulare. La glutatione ha un ruolo vitale anche nelle funzioni immunitarie, nella struttura intestinale e nella detossificazione. Correggere questa biochimica rende il bambino più in salute e spesso migliora il linguaggio e la socializzazione.

 

D credi che quello che accade è che qualche bambino ha un deficit genetico o metabolico della glutatione che rende più difficile l'escrezione dei metalli pesanti --come il mercurio usato nei vaccini. Come rientra ciò nel piano di trattamento?

R Molti bambini AS hanno problemi coi circuiti dei sistemi di sulfatazione e detossificazione. Le strategie terapeutiche mirate ad aumentare i meccanismi del corpo per eliminare le tossine ambientali sono associate con una diminuzione dei cosiddetti comportamenti autistici. I nostri pazienti hanno spesso evidenze di grosso stress ossidativo, che può essere efficacemente trattato con terapie relativamente semplici, come vitamine A, C, E e selenio.

 

D quanti pazienti hai trattato con questo metodo?

R Circa 800. Cerchiamo di indagare su problemi medici sottostanti che possono essere trattai, in modo che il bambino sia più sano e risponda meglio alle terapie educative e comportamentali. Crediamo fortemente nel lavoro unito con educatori e terapisti.

 

D Quanto funziona secondo te?

R c'è qualche paziente che non abbiamo aiutato molto, malgrado tutti gli sforzi. Ci sono altri pazienti i cui genitori descrivono straordinari miglioramenti in linguaggio, comportamenti e socializzazione. A volte è come se si accendesse una lampadina.

Uno dei momenti più gratificanti della mia carriera è stato quando un bambino non verbale di 6 anni ha detto MAMMA per la prima volta dopo diversi mesi da quando avevamo iniziato a correggere le sue anormalità biochimiche. Non dimenticherò mai lo sguardo della madre mentre mi ringraziava. Certo, non posso provare che non avrebbe detto MAMMA senza i nostri interventi,

Un altro momento è stato quando un ragazzino di 15 anni, che non dormiva di notte da 4 anni, ha iniziato a dormire tutta la notte dopo una settimana dall'identificazione di una esofagite corrosiva e il trattamento. Doveva trovarsi in agonia, e la madre era cronicamente stanca.

 

 

 

D. Le argomentazioni contrarie a questo dicono che i bambini autistici migliorerebbero in ogni modo; che i loro disordini non erano così gravi come originariamente si credeva, o che i trattamenti comportamentali in atto nello stesso tempo sono quelli che realmente hanno fatto la differenza. Come risponde a questo?

R. Siamo molto consapevoli del potenziale per avere pregiudizi nel notare i miglioramenti-- o la mancanza di ciò-- quando genitori o operatori sanitari sono gli unici che valutano il bambino.

 

Cerchiamo di tenere le maestre, i terapisti e i parenti di secondo grado "all'oscuro" del fatto che i bambini stanno seguendo un intervento biomedico. Chiediamo ai genitori di registrare ogni commento spontaneo che loro fanno e frequentemente abbiamo commenti che riferiscono di importanti miglioramenti nel linguaggio o nei comportamenti.

Paragoniamo inoltre la traiettoria dello sviluppo prima e dopo l'intervento biomedico. Per esempio, un bambino in logopedia può fare 4 mesi di progressi in 18 mesi prima dei nostri interventi, e poi 10 mesi di progressi in 3 mesi dopo i nostri trattamenti, che suggeriscono--ma non provano--la loro efficacia.

Abbiamo un sistema di valutazione composto da 40 domande che usiamo per valutare gli effetti della nostra MB12 e dell'acido folico. Esso utilizza dati ottenuti da osservatori all'oscuro dell'intervento. Il MIND Institute at the University of California a Davis sta portando avanti una prova del protocollo in doppio cieco, con gruppo di controllo placebo, che utilizza sofisticati test psicologici e educazionali prima e dopo.

Sto lavorando con alcuni colleghi che stanno conducendo una valutazione comportamentale e educazionale alla partenza e dopo gli interventi biomedici, in modo tale da stabilire una traiettoria di sviluppo personale per ogni bambino che venga tracciata da terapisti inconsapevoli degli interventi medici.

 

D. Cosa pensano di questo i pediatri?

 

R. La maggior parte dei miei colleghi pediatri hanno accettato le conclusioni della IOM e pensano sinceramente che il caso sia chiuso a proposito delle relazioni tra autismo e vaccini.

 

Sono preoccupata del fatto che molti miei colleghi pensioni che io abbia perso la testa.

 

D. Allora, su cosa basa le sue teorie?

 

R. Le mie conclusioni sulla scienza coinvolgente i vaccini vengono dopo la lettura di più di 50 libri, compresi alcuni molto tecnici su neuropsicofarmacologia, biochimica e immunologia.

 

Il mio interesse su questi argomenti è venuto quando mi fu chiesto di scrivere un capitolo di un libro sullo sviluppo pediatrico, che comprende autismo e ADHD, e un altro su allergia e immunologia. Da allora, ho letto centinaia di articoli su qualificate riviste scientifiche su questi temi.

 

Ho in testa un paradigma in cui molta scienza si compone in modo da rendere completamente plausibile un link vaccini--autismo, sebbene non sia questo il solo fattore per l'autismo.

Mio marito, Michael, è uno psichiatra. Lui ha una teoria che i pediatri sono, come gruppo, brava gente impegnata ad aiutare i bambini talmente tanto da rendere troppo doloroso da sostenere il pensiero che essi abbiano intenzionalmente danneggiato una generazione di bambini.