http://www.genitoricontroautismo.org

Deficienza di Zinco e disordini comportamentali Stampa E-mail

ZINCO, Zn (dal Protocollo DAN!)

. Studi recenti dimostrano un alto rapporto rame-zinco nel sangue in circa l'85% degli autistici
. Lo zinco è importante per la digestione, la metilazione, la risposta immunitaria e l'equilibrio dei nucleotidi. Supplementare lo zinco aiuta il bambino autistico ad accettare i cambiamenti nella dieta.
. L'assimilazione dello zinco dipende dalle condizioni gastrointestinali e dalla forma di supplementazione.

Lo zinco partecipa in molti processi fisiologici di interesse nell'autismo, dalla digestione alle funzioni immunitarie, alla metilazione, ecc. Sebbene non possiamno affermare che un deficit di zinco sia una possibile causa per l'autismo, dobbiamo affrontare il problema perchè esso sembra con evidenza essere un fattore aggravante o contribuente per molte delle vittime di questa malattia.
La deficienza di zinco, o l'alto rame, non sono universali nell'autismo, ma nell'ultimo decennio una grande maggioranza di bambini autistici è stata trovata, da differenti medici nel mondo, avere valori sotto la norma di zinco nel sangue o nelle cellule. Le percentuali di bambini colpiti da deficienza di zinco si sono alzate notevolmente negli ultimi anni; ciò non ci stupisce in quanto siamo ormai abituati a notare importanti cambiamenti nelle caratteristiche dei bambini con autismo dagli anni '70 ad oggi. L'incidenza per esempio è passata da 3 su 10.000 a 6 per 1000. Inoltre negli anni '70 circa il 70% dei bambini mostrava anomalie dalla nascita, mentre ora assistiamo ad una regressione nel corso del primo-secondo anno di vita nell'80% dei casi. E così negli anni '70 avevamo un disturbo nell'utilizzazione dello zinco su 1 o 2 bambini su 10.000, mentre oggi siamo saliti a 50 su 10.000 che hanno eccesso di rame in relazione allo zinco, comprendendo anche alcuni soggetti con zinco assolutamente deficiente.
Perchè il rame è elevato? Walsh lo attribuisce alla metilazione deficiente, ma è importante sottolineare che in presenza di infiammazioni, e specialmente con infezioni croniche (come quelle intestinali con disbiosi batterica dei nostri bambini), il rame viene redistribuito dal fegato al sangue dove i suoi livelli si rialzano. Per cui, parte del rimedio per abbassare i livelli di rame nel sangue può essere un uso appropriato di antibiotici e di antifungali e il miglioramento delle funzioni gastrointestinali (e la dieta) in modo che l'infezione intestinale e l'infiammazione vengano rimosse e la digestione migliorata. Maldigestione e malassorbimento possono di per se stesse portare ad un incremento del rame.
Il problema del perchè lo zinco sia basso in molti bambini autistici è complesso. Una parte è, come abbiamo detto, da attribuire a maldigestione e malassorbimento che generalmente è accompagnata da debolezza enzimatica, allergie e intolleranze. Supplementi di zinco sono spesso necessari, ma non sufficienti a correggere il problema. Devono essere migliorate o normalizzate le funzioni gastrointestinali, cosa che richiede un intervento dietetico e l'uso regolare degli enzimi digestivi. Non c'è potenzialmente nessuna speranza di correggere la deficienza di zinco mentre per esempio è in corso una diarrea.
Questo significa quindi che per molti il bilanciamento del rapporto rame-zinco potrà avvenire solo dopo la dieta e quando la digestione e la trans-sulfurazione stiano funzionando adeguatamente. In alcuni casi, questo significa anche che bisogna ripulire l'organismo dai metalli tossici in eccesso (mercurio, arsenico, antimonio). Il nostro scopo è rialzare lo zinco a livelli normali nel sangue e abbassare il rame alle quantità in cui si suppone debba essere. Non vi scoraggiate se i mesi passano e ciò non avviene nonostante i trattamenti. Alla fine succederà! Se non accade la risposta non è aumentare la dose di zinco. Occorre lavorare di più con la dieta, sulle condizioni gastrointestinali e sul metabolismo.

DEFICIENZA DI ZINCO, METABOLISMO DEL METALLO E DISORDINI COMPORTAMENTALI, di William J. Walsh
La deficienza di zinco è difficile da diagnosticare poichè nessun test o combinazione di test è sicuro in ogni caso. Per esempio, livelli di zinco nel sangue sono talvolta normali anche in persone con deficienza di zinco a causa dell'omeostasi. I livelli nelle urine e nei capelli sono spesso elevati in casi di  deficienza di zinco a causa del circuito breve dello zinco e dell'alto tasso di escrezione.
I due principali fattori che guidano i medici del nostro centro a diagnosticare una deficienza di zinco sono
1 - ridotto zinco nel plasma
2 -presenza di sintomi clinici di esaurimento dello zinco che sono alleviati da supplementazione dello zinco stesso
I sintomi clinici associati con deficienza o riduzione di zinco includono i seguenti:

* Eczema, acne e/o psoriasi

* Scarsa capacità di rimarginare le ferite, comprese ulcere alle gambe

* Macchie sulle unghie

* Diminuzione della sensibilità gustativa

* Immunodeficienza cronica e continue infezioni

Una diagnosi di deficienza di zinco può essere fatta se i sintomi della deficienza sono evidenti chiaramente dall'iniziale esame fisico e dalla storia medica.
Di solito sono presenti più di uno dei sintomi riportati. Questa iniziale diagnosi è successivamente supportata o negata da analisi di laboratorio per lo zinco nel plasma insieme alla risposta (o alla non risposta) osservata alla supplementazione dello zinco.
Il Centro Pfeiffer generalmente rimisura lo zinco nel plasma e valuta i sintomi dopo 4 - 6 mesi di trattamento per stabilire se il dosaggio necessita aggiustamenti.

TRATTAMENTO DELLA RIDUZIONE DI ZINCO

La riduzione di Zinco è corretta dal supplementare con zinco picolinato o gluconato insieme all'aumento di nutrienti inclusi L-cisteina, pyridoxina, acido ascorbico e vitamina E. E' utile anche il manganese nel promuovere la funzione metallotioneina. Se i livelli di rame sono elevati, un trattamento efficace deve anche prevedere l'abbassamento di rame dai tessuti e l'escrezione del rame stesso. L-cisteina aiuta a mobilizzare e eliminare il rame mentre facilita l'assorbimento di zinco. La correzione della deficienza di zinco deve avvenire per migliori risultati sotto il controllo di un medico o di un nutrizionista che abbia esperienza nei disordini del metabolismo dei metalli. Indiscriminate dosi di zinco date a persone che non ne hanno bisogno possono causare anemia e sbilanciamento dei metalli. Il trattamento di una riduzione media o moderata di zinco può richidere mesi per essere completato. Alcuni casi di grave mancanza di zinco richiedono un anno o più per essere risolti. Il successo nel bilanciamento dello zinco è rallentato da scatti nella crescita, ferite, malattie e grave stress. In più persone con malassorbimento o di gruppo sanguigno A rispondono al trattamento più lentamente.

DISCUSSIONE

Abbiamo trovato che la carenza individuale di zinco risponde bene a una supplementazione (poco costosa) di zinco e a un aumento di nutrienti. Molti pazienti con precedenti esperienze di anni di buoni consigli, psicoterapia programmi medici aggressivi e/o trattamenti con ricovero hanno ottenuto grandi miglioramenti e risposte migliori con trattamenti meno intensivi (e meno costosi). La deficienza di zinco può essere corretta, ma non curata. Se il trattamento è discontinuo, la primitiva carenza di zinco riemergerà gradualmente con tutti i sintomi. La deficienza di zinco, come il diabete, richiede un trattamento per tutta la vita. Fortunatamente è semplice, costa poco, non ha effetti collaterali.